facebook twitter linkedin viadeo

Brand Manager

Sabato, Maggio 30th, 2009
100-ore-scorrano.jpgCiao ragazzi, ieri ci siamo conosciuti un po’ nelle sedi di Oltrelinea. D’Anthea mi aveva chiesto di farvi fare una visita aziendale e poi di “intrattenervi” sul tema del Branding.
Bene, per me è stato un piacere incontrarvi e quindi sono qui per lasciarvi due righe ed invitarvi a dare seguito al nostro incontro.
A proposito di comunicazione circolare e continua, il nostro incontro non finisce ma comincia con l’incontro di ieri. Per cui ora sono curioso di ricevere i vostri commenti su ciò che vi ha stimolato ieri (positivamente e negativamente).
L’obiettivo più stringente per me ieri era farvi calare nel reale significato di alcune parole chiave, creando le connessioni tra loro utili ad indirizzarle verso obiettivi di sviluppo più intelligenti ed umani.
Approfitto per elencarvi le parole chiave che ieri abbiamo “vissuto”: brand, marca, marketing, societing, concept, identità, comunicazione, comunicazione costruttiva, pensiero collettivo, interaction design, inconscio collettivo, estetica, valori, sostenibilità, modelli di business, marketing relazionale e conversazionale, medium, messaggio e contenuto, linguaggio, strategia, target, persona….
Ora a voi cari amici, ora vi lancio il filo con cui costruire la nostra tela…
Lungo poooonte a tutti!
Segnala questa pagina ad un amico Segnala questa pagina ad un amico | Stampa Stampa questa pagina

Non competere, coopera!

Domenica, Novembre 2nd, 2008

Siamo tutti cresciuti considerando positivo il significato del termine “competitività”. A scuola, nello sport, nella società, nel lavoro. Perfino la competitività tra paesi ci è sembrata normale, anzi auspicabile. Così se un paese si arricchisce vuol dire che un altro si impoverisce. Nel modello competitvo non è prevista la possibilità che tutti i paesi crescano insieme. Un altro paradosso è poi il fatto che la misurazione delle perfomance della competitività si calcola con il PIL che non tiene in calcolo i fattori del benessere, piuttosto quelli del consumismo…(approfondisci). L’Italia perde punti in competività internazionale da più 20 anni ed ancora non ha capito che non è quella la sua strada.

Ciò che l’uomo incomincia a capire è proprio questo: il destino è comune, il futuro è comune. Gli effetti negativi derivanti dai modelli di sviluppo sbagliati prima o poi investono anche i privilegiati o i loro figli. Allora forse è urgente spostare il paradigma della progettazione del futuro: non più pensare per sè o pochi intimi e per risultati immediati o a breve, ma pensare ed agire per interessi comuni e collettivi con effetti capaci di durare a lungo termine.

Siamo così drogati dall’accezione positiva del termine competitività che rischiamo di dimenticare l’unica alternativa possibile: cooperare. Aiutare l’altro a crescere. Ciò vale tra persone, tra imprese e tra paesi.

Paradossale? Utopico? Stupido? Ingenuo? …no!…direi pittosto Saggio e Coraggioso!

competitivita.jpgVi lascio un’immagine di un’opera tratta dalla mostra Good 50×70 che molto bene rappresenta il concetto di cooperazione come reale vittoria competitiva.

Ed ora “godiamoci” questi due video… 

 

Segnala questa pagina ad un amico Segnala questa pagina ad un amico | Stampa Stampa questa pagina

Il PIL, il mercato e le schiavitù dell’uomo.

Lunedì, Ottobre 13th, 2008


<<È sul raggiungimento di sempre migliori performance del PIL che si fondano i modelli di competitività di tutti i paesi del mondo e quindi anche delle imprese. In nome del PIL si praticano accelerazioni insostenibili.>>

 

La corsa alla globalizzazione forzata ha messo di fronte ai propri limiti l’ultima delle folli frontiere dell’homo oeconomicus: il mercatismo[1].

La sfrenata e miope concezione che le logiche del mercato debbano essere assecondate a tal punto da far dipendere da queste non solo le strategie delle imprese ma perfino i processi macroeconomici e per di più gli indirizzi di politica nazionale ed internazionale, è arrivata al capolinea. E purtroppo, scendendo da questo treno suicida, lo spettacolo che ci viene offerto è devastante.

L’uomo, troppo distratto dalle conquiste dell’effimero, ha dimenticato se stesso. L’uomo, consumatore schiavo di false felicità.

Ed è così che abbiamo rinnegato la saggezza dell’agricoltura, scambiandola con i dopaggi chimici che violentano ed inaridiscono la terra. Per questo abbiamo lasciato inquinare le fonti naturali d’acqua per poi imbottigliare acque morte. Per questo la ricerca del tempo libero è oramai maggior causa di stress della sua mancanza. L’uomo, tra le rovine imbellettate di questo scenario, a questo punto comincia a capire che è il futuro dell’umanità che si sta logorando.

Basti solo per un po’ riflettere sul criterio con cui viene calcolato il progresso di un paese: il PIL[2].

Il PIL passa come l’indice capace di esprimere la “ricchezza” di un paese e cioè la somma dei consumi (o dei redditi) prodotti in un anno. In realtà il PIL è solo un numero e come tale esprime solo “quantità” e non “qualità” e per di più di merci e denaro e quindi di fattori tangibili. Il PIL esclude drasticamente nel proprio conteggio il “valore” e l’”impatto” che le cose che si producono e si consumano hanno sul reale benessere del paese e dell’uomo. <<Il PIL trascura la qualità dell’aria che respiriamo e quella del tempo che viviamo,…non tiene conto della sanità o dell’istruzione pubblica, del grado di sicurezza o dell’igiene dei centri abitati, del livello di convivenza civile e dell’educazione civica, dei rapporti sociali e individuali in azienda o in famiglia,…è incapace di riconoscere il senso di una giornata di sole…, insensibile al fascino di un panorama quanto al piacere di un pasto ben cucinato.>>[3]

<<Così il cibo in scatola fa aumentare il PIL perché produce costi ambientali. Una petroliera che si spacca fa aumentare il PIL perché dovrò ricostruirne un’altra e pure le coste da ripulire, i pesci e gli uccelli imbrattati da curare mi fanno alzare il PIL, e quando siamo in coda sull’autostrada il PIL aumenta perché bruciamo carburante, che inquina, e se l’inquinamento ci fa venire un tumore tanto meglio, malati e ospedali fanno aumentare il PIL. Un incidente fa aumentare il PIL. I prodotti fuori stagione fanno alzare il PIL perché costa di più produrli, perché più fertilizzanti, erbicidi e pesticidi uso, aumenta il PIL. E pazienza se l’aereo che porta asparagi dal Perù e fagiolini dall’Africa produce Co2 perché si alza il numeretto magico del benessere. E poi i prodotti fuori stagione posso venderli ad un prezzo più alto. E’ meglio vendere un chilo di fagiolini a gennaio a 4 e 99 al chilo, che un cavolfiore di stagione a 0.99, perché anche questo fa aumentare il PIL.>>[4]

Eppure è sul raggiungimento di sempre migliori performance del PIL che si fondano i modelli di competitività di tutti i paesi del mondo e quindi anche delle imprese. In nome del PIL si praticano accelerazioni insostenibili.

A ciò si aggiunge poi che l’eventuale risparmio, sia che provenga dalle imprese che dai cittadini, va a finire nel sistema bancario servendo così a finanziare il futuro del mercato, progettato da chi non ha interesse ad invertire questa folle tendenza.

Ed allora, cos’è il mercato? Chi decide nel mercato e per il mercato? Non certo il consumatore, sebbene dagli anni ’80 le imprese proclamino la ricerca di una buffa costumer satisfaction dichiarandosi così “consumer oriented”. Non certo il cittadino sempre più assuefatto alle logiche affaristiche della politica. Nel mercato decide chi ha i capitali. Ed i veri capitali mondiali, già da qualche decennio, sono prevalentemente nelle mani delle organizzazioni criminali, delle mafie. Ecco chi governa le “logiche del mercato”, ecco a chi stiamo affidando le evoluzioni del mercato. Ecco chi guida quel treno. In questa ottica la “soddisfazione del cliente” c’è, ma corrisponde un po’ all’estasi chimica ed amara del tossicodipendente. E così i prodotti e servizi con le loro infinite innovazioni sono le nuove dosi da distribuire al lato oscuro del consumatore. Per soddisfare quella parte dei desideri e bisogni dell’uomo che però non sa più fare bene i conti con i veri desideri e bisogni dell’umanità.

E per consumare quei prodotti poi il consumatore è chiamato a produrre attraverso catene di montaggio sempre meno industriali e più sociali e, come un pusher, a distribuire. I livelli di produzione e di distribuzione minimi non sono casuali. Sono sempre più elevati perché devono garantire di poter consumare di più. In questo circolo, vizioso per il consumatore e virtuoso per il “mercatismo”,  il frutto dell’uomo che lavora e produce è sempre meno sufficiente a garantire non tanto la crescita dei consumi ma la stessa sopravvivenza. In questa gabbia di sistema mercatistico ci si è infilato quasi tutto l’occidente del mondo. Ed ora si attende che la bolla dei consumi sia rigonfiata dai nuovi mercati che stanno generando miliardi di persone affamate di riscatto sociale consumistico: Cina, India e Brasile su tutti. Ma dove sono le risorse primarie, energetiche ed ambientali della terra per reggere quest’imminente assalto? La risposta è semplice: se i modelli di consumo e soprattutto i modelli di produzione restano quelli attuali il pianeta non reggerà.

Ma questo è solo uno degli scenari possibili. Forse il più probabile se il mercato, inteso come promotore delle evoluzioni delle opportunità economiche e quindi della produzione e dei consumi, viene lasciato alla guida delle evoluzioni sociali e politiche.

Ma che ruolo ha giocato in questa partita la comunicazione? Un ruolo pessimo, anch’esso al servizio del sistema perverso che segue la logica “push”. Cioè “spingere” la gente a fare ciò che al più forte e più potente conviene. Tanto è che la comunicazione è ancora ad oggi agli occhi dei più sinonimo di pubblicità. Non è così. Se la comunicazione è solo al servizio di chi offre allora è pubblicità, ma se è vera comunicazione è al servizio di entrambe le parti ed allora è costruzione di valori.




[1] Mercatismo: neologismo con il quale viene indicata la propensione contemporanea a credere che ogni cambiamento richiesto dall’andamento del mercato è utile e necessario alla società. Rif.: “La paura e la speranza” di Giulio Tremonti, Mondatori editore, 2008.

[2] PIL: Prodotto Interno Lordo di un paese in un anno. Somma del valore di mercato dei beni finali prodotti al lordo degli ammortamenti.

[3] Tratto da “La dittatura del PIL – Schiavi di un numero che frena lo sviluppo” di Pierangelo Dacrema, Editore le Maschere Marsilio, 2007.

[4] Tratto da “Buon Appetito” di Michele Bruno e Piero Riccardi, Servizio giornalistico di “Report” RAI 3 del 13 aprile 2008.

Segnala questa pagina ad un amico Segnala questa pagina ad un amico | Stampa Stampa questa pagina

NEXT MEDITERRANEAN

Giovedì, Settembre 4th, 2008

nextmed.jpgApre il laboratorio del pensiero libero e collettivo per costruire insieme un futuro migliore.

Ora ho davvero una notizia che tengo a darti…

E’ on line www.nextmediterranean.org il sito che d’ora in poi raccoglie idee di chiunque si vuole impegnare o è già impegnato nell’individuazione di nuovi modi di vivere e lavorare che siano compatibili con il benessere psico-fisico dell’uomo e la salute del pianeta Terra.

Nel 2010 il Mediterraneo diventerà un’area di libero scambio tra le più grandi del mondo. Ci sarà bisogno di pace, sviluppo condiviso, integrazione tra culture e rispetto dell’ambiente.Per questo a un’economia sostenibile occorre pensare oggi.

Collegati al sito e contribuisci anche tu. Il futuro sarà migliore se impariamo a sognare, pensare e fare insieme.

Per cominciare puoi anche commentare anche alcuni dei miei post che trovi qui… http://www.nextmediterranean.org/author/stefano-petrucci/ 

Sarei felice di sapere che in questo progetto entri anche tu.

Stefano

pancia-ring-2008.jpg _____________________________________________________________

Segnala questa pagina ad un amico Segnala questa pagina ad un amico | Stampa Stampa questa pagina

M’inverto: fare ed avere di più con di meno!

Venerdì, Maggio 2nd, 2008

MEETING per un’azienda attenta

Il gruppo Oltrelinea, sempre più sensibile ai temi della sostenibilità sociale dei consumi e delle produzioni, decide di ritirarsi nei recinti della Masseria Erchie Piccolo per riflettere sulle responsabilità ed opportunità che si aprono nello svolgere il nostro ruolo di consumatori e professionisti con una inversione ad “U” del nostro approccio di problem solving. 

foto-160.jpg



Stiamo sbagliando tutto. Come consumatori e come attori della produzione stiamo sbagliando tutto. Da tempo mi interrogo su quali siano le possibili soluzioni pratiche per contribuire, nel nostro piccolo, ad invertire la tendenza del nostro sistema economico sociale mondiale alla distruzione del globo. Siamo tutti schiacciati da un’accelerazione disumana che ci porta ad acquistare e produrre come automi. E ciò che acquistiamo e che produciamo contribuisce ad aumentare la schiavitù. Schiavi del tempo, schiavi di ciò che ci viene offerto, ma schiavi anche di noi stessi.Il 13 aprile scorso Report di Rai 3 ha dedicato una puntata a questo tema. La notte non ho preso sonno! “Sono un’idiota, sono un ignorante.” Questo mi sono detto. Non sono libero perché compio azioni inconsapevoli, come consumatore sono un pazzo e come produttore un superficiale. Se non hai visto quella trasmissione di prego di farlo http://www.rai.tv/mpplaymedia/0,,RaiTre-Report%5e23%5e74752,00.html  oppure leggi il testo. Credimi, è urgente che anche tu sappia. Non avrei mai pensato che acquistare insalata lavata, tagliata ed imbustata è un piccolo gesto quotidiano -che molti compiono perché non c’è il tempo di comprare l’insalata in una fattoria o da un ortolano- che non solo crea un danno economico ed ambientale enorme, ma soprattutto diventa la fredda rappresentazione di quanto ci siamo allontanati dal contatto con la terra, con la vita, con il tempo dedicato a noi e alle piccole cose di cui abbiamo bisogno. Mangiamo pomodori senza proprietà nutritive, fragole a dicembre, kiwi prodotti in italia, carote tagliate, bistecche gonfiate. Possiamo dire peggio per chi lo fa. Non è così, guardate il servizio di Report e poi ditemi se non è urgentissimo bloccare questa pazzia. Intorno al cibo gira tutto: industria chimica, petrolio, trasporti, metalmeccanica, distribuzione, packaging, marketing e comunicazione. Tutto coinvolto in un processo malato e suicida! E come attore della produzione? Come imprenditore che crea imprese pronte ad erogare prodotti e servizi? Cosa sto facendo? Che danni creo? Come sto orientando il mio marketing e le mie soluzioni di comunicazione?Mi occupo di strategie di impresa, di soluzioni marketing e di comunicazione. Credo che siano leve così potenti da risultare armi vere e proprie. Ed allora, se sono armi, ho la responsabilità di usarle in modo costruttivo o perlomeno non distruttivo. Oggi il nostro mestiere offre una grande opportunità: quella di offrire soluzioni ad altissimo impatto comunicazionale e a bassissimo impatto socio ambientale, ad altissima interazione con il target e a bassissimo costo. Le tecnologie e new media offrono questo. Internet offre nuove opportunità di rinascimento democratico anche per questo, perché da la possibilità a chi ha buone idee di svilupparle con poco ottenendo grandi risultati. Aiuta a sviluppare e valorizzare la componente che per eccellenza distingue l’uomo dalle bestie: la creatività. Ed allora, se tutto questo è vero come mai dalle agenzie di comunicazione non escono soluzioni così. Non c’è tempo, si dice. Il cliente vuole tutto e subito, ma soprattutto non vuole rischiare con comunicazioni troppo innovative (il cliente italiano ovviamente). Ecco allora piani di marketing e comunicazione uno la copia dell’altro. Unico campo di azione della “creatività” resta quindi il messaggio, nel suo contenuto, nel suo linguaggio. E così continuiamo a stampare manifesti, brochure, fare spot, eventi costosi e ecologicamente impattanti. Non voglio dire che ciò non si debba più fare ma va bilanciato meglio con mezzi, idee, azioni che portano maggiori risultati con minor impiego di risorse…tranne due: il tempo e la creatività. C’è bisogno di recuperare il tempo che ci viene sottratto dal sistema per cose inutili per metterlo a disposizione della nostra creatività.

E’ questo il tema su cui ci siamo voluti confrontare noi di Oltrelinea, e così, mercoledì 30 a casa mia si è svolto un incontro per interrogarci sul nostro ruolo di consumatori individuali (come persone), collettivi (come gruppo di lavoro che consuma materiali ecc.) e soprattutto come professionisti.Ecco come si è svolto l’incontro (guarda la fotogalleryhttp://www.stefanopetrucci.com/?page_id=265&page=265&nggpage=10 ): 

Ore 13.00
assaggio di prelibatezze biologiche
a cura di Liliana Coppola

INTERVENTI (dalle 14.30 alle 16.00):

sul tema dell’agricoltura biologica:
Mimmo Ciccarese
Consorzio Puglia Natura
tecnico ICEA (Istiuto Certificazione Etica e Ambientale)
collabora con AIAB

sul tema del recupero creativo dei materiali:
Luciana Delle Donne
Officina Creativa

sul tema degli eventi ecosostenibili:
Dario Falsanisi
Treendy.org

sul tema del turismo responsabile:
Sergio Fadini
presidente nazionale dell’Associazione Il Vagabondo

sul tema della mobilità sostenibile:
Rino Carluccio
urbanista

sul tema della vita sobria e sviluppo sociale:
Angelo Salento
docente di sociologia dei processi economici
Università del Salento

…A seguire un dibattito su come attuare idee condivise che riguardano i temi trattati in Oltrelinea.

Presto verrà aperto un blog specifico su cui ci aspettiamo che anche tu dia il tuo contributo. In una prossima newsletter ti darò il link, ma intanto sarei felice di raccogliere su questo post la tua idea.Grazies

Segnala questa pagina ad un amico Segnala questa pagina ad un amico | Stampa Stampa questa pagina