facebook twitter linkedin viadeo

“Cappelli rischia di parlare solo per se.”

Domenica, Agosto 10th, 2008

“La Puglia non è indietro nel processo di crescita del settore della Comunicazione.”

Scarica articolo Qutidiano di Puglia del 11 agosto 2008

Negli ultimi giorni alcuni media tv e stampa hanno dato ampio spazio al dibattito sul bando di gara da 7 milioni di euro per la promozione del turismo in Puglia. A scatenare l’attenzione ci ha pensato Paul Cappelli, in qualità di rappresentante di una delle agenzie che non si sono aggiudicate la gara.

Ritengo sia utile e doveroso, arrivati a questo punto del dibattito, fornire alcune precisazioni.

Il ruolo fino ad ora svolto da Paul Cappelli nel sollevare il problema della gestione di bandi di gara pubblici relativi alla comunicazione, è degno di apprezzamento. Finora. Adesso però, mentre la magistratura fa il suo dovere e passati alcuni giorni e molti articoli di giornale dalla sua lettera aperta, credo si necessario passare alla discussione delle soluzioni in modo un po’ più serio. L’iniziativa dei video promozionali è un sua proposta personale molto discutibile e che difficilmente si realizzerà. Essendo poi una mera provocazione verso le istituzioni non può trovare il mio appoggio.

La Commissione Editoria e Comunicazione, che rappresenta centinaia di imprese della comunicazione della Confindustria Puglia, ha da tempo messo in campo dibattiti e soluzioni serie ed ufficiali, che perseguono realmente il bene di tutte le parti interessate: imprenditori e professionisti della comunicazione, istituzioni, territorio ed immagine della Puglia.

Il dialogo tra imprenditori della comunicazione e tra questi e le istituzioni è già da tempo aperto e volge ormai alla definizione di alcune soluzioni realmente costruttive.

L’incontro con alcune agenzie pugliesi, organizzato nella casa di Cappelli lunedì 4 agosto, non è di per se il segnale di soluzioni volte davvero al bene della Puglia e del settore della comunicazione. E’ semplicemente la conseguenza dell’attenzione mediatica degli ultimi giorni sulla vicenda.

Lo stesso incontro, temo, rischia di restare ad uso e consumo di alcuni media e di alcuni interessi personali, più che la testimonianza di una reale volontà di conoscere e migliorare lo stato dell’arte pugliese nel settore della comunicazione, dei rapporti tra questo e la politica locale e dell’immagine della Puglia in genere.

Non per niente, infatti, fino ad oggi il risultato è che viene lesa inutilmente l’immagine della Puglia, dell’amministrazione regionale e di tutti gli addetti della comunicazione pugliesi.

 

Servizio RAI3 del 4 agosto

 

Ora che si dovrebbe passare alle soluzioni, quindi, vale la pena ricordare che da molti anni, su molti tavoli di lavoro privati ed istituzionali, molti pregiatissimi colleghi pugliesi hanno già attivato le condizioni per innescare quel miglioramento.

Per questo ben venga il contributo del collega Cappelli, ma convergente a migliorare ciò che è già in essere e non per interessi personali ma collettivi.

Non è assolutamente la prima volta che le agenzie pugliesi si incontrano per fare alleanze, coordinare la filiera, sottolineare le regole. Sono più di 10 anni che partecipo a riunioni sia private che ufficiali con colleghi pugliesi. I temi trattati non sono solo i bandi ma anche tanti tanti altri che ovviamente sfuggono a chi non opera in Puglia. Per questo ho messo al corrente Cappelli, come tutti i  miei colleghi, del lavoro svolto dalla Commissione Editoria e Comunicazione che ha già messo le soluzioni in campo. Tra le più importanti: un protocollo di intesa con la Regione Puglia ed il progetto del Distretto della Comunicazione. Con il Protocollo di Intesa (alla firma in questi giorni) la Commissione mette gratuitamente a disposizione della Regione esperti della comunicazione per affiancare l’ente nella predisposizione, la redazione e la pubblicazione di avvisi, bandi e disciplinari di gara, relativi a prodotti e azioni di comunicazione di interesse pubblico, e nella successiva assegnazione dei relativi lavori.  Tutto nel rispetto delle regole, dei codici e degli aspetti tecnici al fine di utilizzare al meglio le risorse pubbliche e consentire lo sviluppo del settore. Eugenio Iorio, resposnoabile della comunicazione istituzionale della Regione Puglia e lo stesso assessore Massimo Ostilio, conoscono bene  il protocollo e sono anzi promotori del dialogo costruttivo con gli imprenditori della comunicazione.

Il Distretto della Comunicazione, invece, che sarebbe il primo in Italia, costituirà la piattaforma più seria e robusta dalla quale far partire i processi di crescita del settore della comunicazione in Puglia e dell’intero territorio.

 

Alcune foto della riunione di Terlizzi del 4 agosto 2008

paul-cappelli-1.jpg paul-cappelli-3.jpg paul-cappelli-2.jpg 

 

________________________________________

  

Segnala questa pagina ad un amico Segnala questa pagina ad un amico | Stampa Stampa questa pagina

Estetica e Marketing

Domenica, Giugno 1st, 2008

Qual’è l’asse che unisce il marketing all’estetica? Dove ci porta il marketing? A cosa induce l’estetica? Qual’è la dimensione in cui l’uomo incontra il mondo raccontato dall’estetica? Qual’è il ruolo della creatività?

Sono queste alcune delle domande che mi pongo in questi giorni. L’amico Paolo Pellegrino (professiore di estetica all’Universtà del Salento) di recente mi ha invitato a relazionare in occasione del convegno nazionale da lui organizzato con SIE (Società Italiana di Estetica www.siestetica.it ) dal titolo “Estetica e Marketing”.  Ho accolto con entusiasmo ma anche con umiltà l’invito. E’ il concetto di Estetica che sento di dover ridisegnare. Sia il Marketing che l’Estetica sono finora stati oggetto di speculazioni: commerciali il primo, filosofiche la seconda. Così, nella scala dei valori del pensiero, per il marketing si è speculato verso il basso e per l’estetica verso l’alto. Il marketing eccessivamente arido ed operativo e l’estetica assolutamente teorica ed accessibile a pochi. Come se al marketing non possano innestersi fondamenti valoriali capaci di dirigere la sua forza verso nuovi percorsi evolutivi dell’uomo. Come se l’estetica fosse un approdo esclusivo per teorici e teoretici e non avesse minimamente contatti con le esperienze quotidiane dell’uomo. E’ certamente questo il campo che dovrò curare meglio per portare un mio contributo al convegno. Sento che il marketing e l’estetica non siano così distanti. Lo sono fino a che dimentichiamo di mettere al centro l’uomo con il suo ingegno creativo e il desiderio di comunicare. Creatività e comunicazione sono  il filo che le lega. Questo sarà il mio punto di vista!

Ti invito a venirmi a trovare al convegno se non altro perchè ci saranno autorevoli relatori provenienti da varie università d’Italia.

Ti aspetto… S



marketingesteticanew.jpgVenerdì 6 e sabato 7 giugno il Grand Hotel Tiziano di Lecce ospita un convegno nazionale dal titolo Estetica e Marketing, organizzato da SIE – Società Italiana d’Estetica, in collaborazione con il Dipartimento di Filosofia e Scienze Sociali dell’Università del Salento.

La prima giornata verrà inaugurata dagli indirizzi di saluto di Paolo Pellegrino, dell’Università del Salento, e di Luigi Russo, Presidente SIE – Università di Palermo e, a seguire, dagli interventi di diversi relatori:

Fabrizio Desideri – Università di Firenze e Coordinatore dell’Osservatorio SIE “Comunicazione e Spettacolo”
Enrico Menduni – Università di Roma Tre
Roberto Diodato – Università del Sacro Cuore di Milano
Pietro Montani – Università La Sapienza di Roma
Fabrizio Schivano – Università di Perugia

A presiedere la sessione il Rettore dell’Università di Palermo, Vincenzo Milanesi,  che lascerà il testimone, il giorno successivo, al Rettore dell’Università del Salento, Domenico Laforgia.

Al tavolo dei relatori, nella giornata di sabato, altri prestigiosi esponenti del mondo accademico e imprenditoriale:

Gianluigi Guido – Università del Salento
Annamaria Testa – Università Bocconi di Milano – Presidente di “Progetti Nuovi”
Pino Grimaldi – Università di Salerno – Studio “Segno Associati” di Salerno
Paolo Pagliaro – Università del Salento – Presidente del “Gruppo Mixer Media Management”
Stefano Petrucci – Università Lum di Bari – Presidente del Gruppo Oltrelinea
Eugenio Iorio – Responsabile Comunicazione Istituzionale Regione Puglia

» Scarica l’invito

Segnala questa pagina ad un amico Segnala questa pagina ad un amico | Stampa Stampa questa pagina

Lu marketing ete bonu ci tie nci stai

Venerdì, Marzo 21st, 2008

Beddha Creattività

Beddha creattività ca me stupisci
sacciu ca a stu momentu me capisci
cu tie ieu vegnu an giro sorridente
e te dicu ca me scarfi lu core e la mente.
Se fortemente sientu c’aggiu comunicare
a tie sacciu c’aggiu bbenire a cercare
cu fazzu amici e cu ndrizzu stu mundu
me minu intra lu blu tou profundu.
E ddhai, intra lu mare te li toi misteri
trou 10, 100, 1000 suegni e pensieri
trou lu filu ca allu core sou me invita
cu suoni e parole ca creano vita.
Te lu marketìng pure tie moi sai
ca ete bonu ci tie nci stai.
Beddha creattività ca me stupisci
sacciu ca a stu momentu me capisci…

Ecco il video

Lunedì 17 marzo, come tu sai, ho presentato il mio libro “Crettività – Tecniche e Ruoli per Comunicare” nella Sala Ferrari dell’Ateneo dell’Università del Salento. Paolo Pellegrino ed Eugenio Iorio mi hanno dato un grande onore con la loro presenza e soprattutto con le loro considerazioni sul lavoro da me svolto. E’ sata per una piccola festa e per festeggiarmi ho voluto con me anche Pino Rizzo e suo filgio Diego con le loro chitarre. Sabato mattina, sulla barca mentre pescavamo con Pino nel mare di San Foca, avevo scritto “Beddha Creattività”, uno stornello dedicato al marketing e alla comunicazione che garzie a Pino e Diego si è trasformato in musica. Chi l’avrebbe mai detto che un giorno avrei scritto una canzone popolare salentina con parole e concetti presi dal mio lavoro? Grazie a tutti coloro che hanno partecipato.

 

Invito Università


 «La comunicazione è la forza produttiva di un’azienda», ha dichiarato Pellegrino, dopo aver tracciato un articolato excursus storico-filosofico sulla considerazione della creatività in Estetica.

 

«È importante riportare la comunicazione ad un processo logico» ha confermato Iorio, soffermandosi sull’importanza di «sistematizzare le regole utili a professionalizzare gli operatori del settore».


 

Vi lascio alcuni documenti

 

Video report

Servizio Tg

 

Serenata gallipolina (beddha-ci-stai-luntanu-e-voi-me_vidi)

 

creattivita.jpg 101_1588.JPG 101_1594.JPG 101_1597_.jpg 101_1606.JPG

 

 

Segnala questa pagina ad un amico Segnala questa pagina ad un amico | Stampa Stampa questa pagina