facebook twitter linkedin viadeo

« | Home | »

Da grande voglio fare l’Imprenditore

Autore Teto | 11 Maggio 2008

Il valore dell’Impresa per il futuro dei Giovani.

Aiutiamoli a dire: “Voglio fare l’imprenditore”.

ercolexnews.jpg Evento di presentazione 12 maggio 2008 (vai al report) 

 

Il progetto “L’Imprenditore è Valore” è una risposta sensata e costruttiva ad una piaga sociale che va urgentemente tamponata: la demotivazione dei giovanissimi nell’attivarsi con il proprio lavoro e le proprie idee a migliorare il futuro.

Il sistema globalizzante ed il “sistema Italia”, incapace di premiare i migliori a favore dei soliti raccomandati e disinteressato a punire chi arreca danno alla collettività, stanno logorando pian piano il futuro delle nuove generazioni. La televisione narcotizzante fa il resto.

Credo che gli ultimi 15 anni di vita sociale e politica italiana appartengano ad un recente medioevo non più tollerabile.

La meritocrazia deve tornare al centro. Intorno alle persone migliori si può creare un futuro credibile e sostenibile. Invece i talenti e quelli che chiedono di lavorare onestamente, scappano dal sud e scappano dall’Italia. Perché? Lo sappiamo tutti il perché. L’italia non cresce da un ventennio perché e più occupata a preservare il potere acquisito da caste che oramai non hanno più niente di buono da offrire e che hanno già sottratto tutto all’Italia e agli italiani: futuro compreso!

Le nuove generazioni hanno perso la capacità di sognare, di credere di poter cambiare il mondo. Sono demotivate: sanno benissimo che non possono contare sul posto fisso né sulla pensione e sanno pure che nessuno li aiuterà a fare l’imprenditore né mai li ringrazierà se avranno contribuito a loro rischio, con il loro lavoro e con le loro idee, a rendere più vivibile lo spazio ed il tempo che gli sarà dato.

Negli ultimi quindici anni, da tangentopoli alle 488*, la figura dell’imprenditore, non bastando le difficoltà che procura l’Italia, è capitata sotto il rullo compressore della giustizia e dell’ingiustizia, dell’informazione e della disinformazione.

L’imprenditore, colui che con entusiasmo e talvolta genialità, rischia in proprio per realizzare nuove idee, nuovi progetti, nuovi prodotti e servizi, offrendo lavoro e spesso contribuendo a migliorare le condizioni sociali intorno a sé, sembra essere svanito. Dileguato e diluito in fiumi di luoghi comuni ingiusti ormai insinuati nell’opinione di molti. Non è così!

E’ da questa triste constatazione che al Gruppo Giovani di Confindustria Lecce proposi, attraverso il progetto l’Imprenditore è Valore, di impegnarci nel coinvolgere le scuole e l’università del Salento in un progetto di sensibilizzazione e conoscenza sul reale ruolo che l’imprenditore (di valore) ha sempre avuto, ha ancora e sempre avrà.

Essere imprenditore onesto ed innovativo se in Italia è difficile, nel sud è un atto eroico. Questo le nuove generazioni lo sanno così bene che non aspirano più a diventare imprenditori. Temevamo questo e la ricerca condotta anche in collaborazione con il Dipartimento di Statistica della Facoltà di Economia dell’Università del Salento, purtroppo lo conferma.

Falsi imprenditori, ammalati e concussi da un sistema corrotto, hanno sbagliato ed hanno anche sottratto risorse pubbliche. Ma sono pochi, pochissimi (vedi ad es. dati lg. 488*) rispetto ai tantissimi imprenditori che quotidianamente lottano contro un sistema che non aiuta gli onesti, affinché il lavoro e la crescita di tutti siano difesi.

Magistrati desiderosi di fama e spesso incapaci hanno con troppa disinvoltura messo a repentaglio la vita di imprenditori e delle tante famiglie che in quelle imprese trovavano lavoro e dignità. Ma anche questi sono pochi, rispetto ai tanti che con difficoltà, in una macchina della giustizia che non funziona da troppo tempo, difendono con onore un ruolo fondamentale per la stabilità e la sicurezza del paese.

Media (stampa e Tv in prima fila) alla ricerca di vendite e audience, hanno dimenticato di dar spazio al vero giornalismo. La brutta notizia al pari del gossip, della violenza, del sesso e della gogna di personaggi più o meno conosciuti è il faro che guida sempre più spesso le linee editoriali. Ma anche qui, perfino qui, è possibile individuare editori e giornalisti non collusi, non superficiali e rispettosi della vita altrui.

L’Imprenditore è Valore è il progetto che vuole unire la parte buona dei tre attori Imprenditori, Magistrati, Media per trasmettere ai ragazzi e ai giovani idee e strumenti che invoglino le future generazioni ad assumere atteggiamenti fondati sulla legalità e mirati a dare un contributo costruttivo e stimolante alla società.

Sono convinto che nel tempo la legalità diventerà agli occhi dei più un vero e proprio fattore produttivo e competitivo, una voce da mettere nel patrimonio del bilancio d’azienda.

Al centro quindi il Valore, nelle sue espressioni migliori: legalità, conoscenza, cooperazione, creatività. Valori tipici dell’imprenditore nella sua accezione più nobile.

Che futuro stiamo preparando se non difendiamo oltre al posto fisso anche l’idea che fare l’imprenditore è utile, possibile ed auspicabile?

Uniamo le parti buone della società, facciamo in modo che chi ha voglia di lavorare con impegno e lealtà desideri rimanere qui nel sud. Cominciamo noi imprenditori, magistrati e media a dare il buon esempio. Tutti noi abbiamo una grande responsabilità per il futuro di tutti.

s

 

Categoria: Articoli | 5 Commenti »

Segnala questa pagina ad un amico Segnala questa pagina ad un amico | Stampa Stampa questa pagina

5 Risposte a: “Da grande voglio fare l’Imprenditore”

  1. Lunedì 12 maggio: L’imprenditore è Valore | Stefano Petrucci scrive:
    11 Maggio 2008 ore 17:54

    [...] Da grande voglio fare l’Imprenditore [...]

  2. ANDREA scrive:
    14 Ottobre 2008 ore 03:15

    VA BENE DOPO ESSERMI FATTO L’IDEA DI COME VA L’ITALIA….CHE GIA TUTTI SAPPIAMOE CHE INUTILE ,CONTINUARE DI RIPETERE PERCHè è DA QUANDO HO 12 ANNI CHE O CAPTO AD OCCHIO E CRODE I MODI DI FARE DI UNA SERIE DI SITUAZIONI CHE CMQ MI HANNO FATTO CRESCERE PERMETTENDO DI ACQUISIRE ,UN IMPRONTA RAZIONALE ,ED ESAURIENTE NEL CONFERMARE LE MIE IDEE…ORA CHIEDO SE VOLESSI INTRAPRENDERE QUESTA STRADA ,E CON IL MIO SAPER FARE ,CHI POTREBBE DARMI CONSIGLI E APPROFONDIMENTI A RIGUARDO ….CORDIALI SALUTI .AURU

  3. Teto scrive:
    14 Ottobre 2008 ore 09:00

    Il primo consiglio che mi sento di dare è di non concentrarsi sula fatto di “fare l’imprenditore”, piuttosto sull’”idea o sul progetto” realizzando il quale diventarai di fatto imprenditore. Passione, costanza, competenza e capacità di rischio sono gli ingredienti per avviare la tua idea.
    S

  4. ronalhor scrive:
    21 Luglio 2013 ore 13:02

    Reviews Please make sure to l [url=http://jeremy-scott-shoes.weebly.com]Adidas Jeremy Scott Wings[/url] samt into feedback [url=http://louisvuittonsitoufficialeoutlet.weebly.com]Borse Louis Vuitton[/url] . ,1,S] Calmness make any difference [url=http://www.todaychina.com/bbs/viewthread.php?tid=315744]we have been touching your neighborhood authorities[/url] s; click here to see our writing comments guidelines. Log in

  5. Thonyboy scrive:
    29 Ottobre 2015 ore 18:18

    i think Karl & Chris are talking about dieerffnt things but I do get both re: karl play only 60% of the skill set that you know live like scale runs, riffs & dieerffnt techniques like bends, taps, etc re: chris play the actual volume regardless if its rehearsal or actual. the only gripe i have with some sound guys is that they hardly listen & know the songs that we are playing. it sometimes kills the dynamics. as soon as the distorted sound goes a little louder than clean, the fader is being pulled down. when you go back to your clean, you are hardly audible. although i’ve seen guitarist with so much disparity between the clean and distorted sound, maybe that’s why but there are mature guitarist out there who knows when to rock out and when to pull-back a bit.sorry for the rant

Commenti

E-mail

Sito web