facebook twitter linkedin viadeo

« | Home | »

Grazie Ragazzi dell’ITC Giulio Cesare

Autore Teto | 12 Febbraio 2008

Non c’è un età per le emozioni. Non c’è un tempo in cui si finisice di imparare. Non esiste la sconfitta, ma solo la paura di perdere. Non c’è gusto di vittoria se non si affronta la sfida con umiltà.

Oggi, amici studenti della 3° (che sezione?) dell’Istituto Giulio Cesare di Bari, vi ho incontrato e mi avete reso felice. Insieme abbiamo vinto la nostra sfida.

Stamattina venendo da voi non sapevo chi avrei incontrato. Sapevo solo che incontri formativi sulla comunicazione generalmente li ho sempre rivolti a manager, imprenditori o comunque laureati o diplomati in cerca di orientamento e lavoro o di aggiornamento professionale. In più di 15 anni di formazione non ho mai rivolto i miei argomenti, le mie esperienze e conoscenze a dei ragazzi di 15-16 anni. Nel viaggio in macchina che mi portava verso di voi mi chiedevo: “cosa gli andrò a dire? cosa vorranno sentirsi dire? di cosa avranno bisogno? sarò in grado di interessarli a qualcosa?“.

In aula sono a mio agio, non temo alcun livello dell’uditorio, anzi più è elevato più mi stimola il confronto. Ma oggi non era lo stesso. Se sai guidare una una Ferrari in pista, non è detto che sai volare con un deltaplano.

Ero decisamente in conflitto. Avevo accettato l’incarico solo perchè me lo aveva proposto una persona a cui non volevo dire no. La paga era misera e i ragazzi troppo giovani. Sentivo però che non erano le circostanze ad essere inadeguate, temevo di essere io l’inadeguato. Forse non sarei riuscito a stabilire un rapporto con quei ragazzi. Quanta distanza c’è tra uno come me ed un ragazzo di 16 anni? Quanta incomunicabilità c’è tra il mio mondo ed il mondo di un giovanissimo?

Arrivato nella squola (si scrive con la “q” vero?) ho deciso di portare  a termine le mie 3 ore e di rinunciare all’incarico per i 2 successivi moduli previsti. Le urla dei ragazzi, il disordine e le raccomandazioni di un insegnante a non farmi lasciar mettere i piedi sulla testa dagli studenti mi hanno convinto a limitarmi a questo incontro. Anzi, pensavo anche di andar via subito. Che ci facevo lì? Non ho il lusso di poter perdere tempo vardenafil otc.

Mi sono fatto coraggio e sono entrato nell’arena.

Quello che è successo in quelle 3 ore lo sappiamo solo noi e resta cosa nostra, cari amici studenti della 3°. Una sola cosa voglio dirvi: grazie. Grazie per avermi ascoltato e soprattutto per avermi parlato, per avermi detto qualcosa di voi. Per avermi permesso di guardarvi nei vostri meravigliosi occhi ancora puri. Mi avete dato tanto oggi, mi avete reso felice nel sentirvi vicini ed interessati a quello che vi dicevo e soprattutto al perchè ve lo dicevo.

Mi avete chiesto che impressione mi fossi fatto sui vari insegnanti che entravano ad accertarsi gentilmente che non avessi bisogno di aiuto, sorveglianza, ecc. O del Preside, che alla fine è venuto a consegnarvi le pagelle. Ve lo dirò, ma non ora.

Ora voglio solo dirvi grazie per avermi chiesto di tornare. Lo farò perchè già vi voglio bene e per stare con voi lo farò anche gratis. Decideremo insieme come impiegare quei soldini, pochi ma preziosi.

Se qualcuno di voi mi legge…sarei felice di ricevere un vostra foto così la metto sul mio blog. In caso contrario la facciamo insieme martedì prossimo.

A presto

Categoria: Articoli | 24 Commenti »

Segnala questa pagina ad un amico Segnala questa pagina ad un amico | Stampa Stampa questa pagina

24 Risposte a: “Grazie Ragazzi dell’ITC Giulio Cesare”

  1. ciao stefano!! scrive:
    12 Febbraio 2008 ore 14:54

    ciao stefano!! sono gianni il ragazzo della 3 “a” che stava sempre zitto dietro e ascoltava !! quello biondino!!! grazie x aver scritto cose belle della nostra classe sul blog!! ogni prof. che entra nella nostra classe esce sempre terrorizzato perchè credono che nn ci sappiamo comportare!! però come ti abbiamo dimostrato ci sappiamo comportare, sempre se riteniamo che l’argomento di cui parliamo sia un argomento interessante!!!!grazie tante!!! ci vediamo il 19!!! ciao ciao….

  2. michele scrive:
    12 Febbraio 2008 ore 15:46

    Ciao Stefano sono michele uno degli alunni cui hai rivolto questa magnifica lettere, se così si può chiamare. Inanzitutto siamo noi che dobbiamo rigranziarti perchè credo che oggi tu non hai parlato di cose teoriche o cosa sia, ma di cose della vita. Questa tua lezione mi è servita a riflettre su degli aspetti del mio carattere e credo già ha prendere delle decisioni su degli aspetti. Non voglio dilungarmi, voglio solo dirti che sei una persona eccezionale, fantastica…forse mi sto dilungando….voglio solo che il tempo passi in fretta e che arrivi a martedì 19/02 per ascoltare una tua nuova lezione…Ancora grazie mille….ci vediamo martedì..ciao ciao
    P.S=oggi non riuscivo a frenarmi mentre raccontavo ai miei del nostro incontro!!!!!

    CIAO CIAO

  3. Francesco scrive:
    12 Febbraio 2008 ore 16:31

    ciao stefano!!!! vedendo il tuo sito mi sono accorto della tua magnifica lettera nei notri confronti…anke se una meravigliosa dedika te la meriteresti tu..
    Volevo dirti ke persone cm te nn s incontrano tutti i giorni…e lo dico sinceramente..anzi con il cuore…
    Se la scuola fosse fatta con persone cosi..io andrei mattina e sera a scuola…e ripeto sono sincero…anche perche io raramente rimango impressionato al primo impatto dalle persone….cmq ora ti saluto…e ci vediamo martedi 19 febbraio…CIAOOOOOOOOOOOO

  4. Maurizio scrive:
    12 Febbraio 2008 ore 16:31

    Ciao Stè,

    sono maurizio,il ragazzo che ha cercato di far funzionare quel maledetto proiettore.
    Solitamente non sono molto bravo nel ringrazire la gente per ciò ke fa per me o per qualcuno come me.
    Stamani quando sono andato in segreteria per capire chi fosse il prossimo mal capitato mi hanno detto : “miraccomando,questa è una persona importante”.Dopo quelle parole mi ero ri-convinto che sarebbero state 3 ore di vacanza complete,perse a fare schemi e dettati che a fine d’ora sarebbero finiti nel cestino.
    Quando sono entrato in classe mentre mangiavo il mio panino,mi sono reso conto che ciò che mi avevano detto su questo sconosciuto era vero,CLASSICO IMPRENDITORE da GIACCA e CRAVATTA e valigetta con portatile.Pero’,tu sei stavo diverso,mi hai colpito,mi hai fatto uno stranissimo effetto.In 5 minuti mi sono reso conto che la giornata di “alternanza scuola-lavoro” di oggi sarebbe stata diversa.La tua parlantina,il tuo saperci coinvolgere ha fatto sì che noi tutti ascoltassimo ciò ke tu avevi da dirci.
    A ricreazione,quando sono uscito dalla porta,ho pensato,QUESTO E’ UN GRANDE…
    A fine ricreazione,la curiosità cresceva,i tuoi discorsi incalzavano e io mi cervellavo e cercavo di capire QUALE FOSSE DAVVERO IL TUO LAVORO.Ci hai tenuto sulle spine quasi fino all’ultimo,quando hai detto che “convincevi le persone” ho avuto un sesto senso.Quando hai fatto la domanda : “sapete da dove ho iniziato? “,io stavo per risponderti “dalla discoteca”,solo che se non fosse stato così avrei fatto una magrissima figura con tutti e allora me lo sono tenuto per me.Quando hai detto che hai fatto pubbliche relazioni,hai gestito locali,ho capito che avevo previsto bene.L’avevo capito perchè anche io ora lavoro in discoteca (perchè mio fratello organizza locali come il Cellar a Bari e collabora con locali leccesi e tarantini e naturalmente della provincia di Bari) e anche io nel mio piccolo ho “imparato” a convincere delle persone a lavorare con me,a vendere le prevendite per me.A me piace molto rapportarmi con la gente,sapere il loro punto di vista…
    Chiusa questa piccola parentesi,concludo questo commento,perchè non vorrei portarti via troppo tempo.
    Secondo me tu nella tua vita hai avuto quasi sempre quello che volevi,non perchè i tuoi ti viziavano,ma perchè sai convincere chi ti ascolta,sai prenderti ciò che vuoi,e quando la sfida si fa amara,li dai il meglio di te.

    p.s.:oggi anche io come michele,ma penso come tutti,ho raccontato ai miei con ansia del nostro incontro,della nostra “chiacchera” e loro stessi mi hanno visto preso nel mostargli il tuo sito…

    Grazie Stè,ci hai dato tantissimo oggi e continuerai a farlo le prossime volte…

    Sei il migliore…TI STIMO TANTISSIMO

    Ci vediamo il 19…

  5. Stefano scrive:
    12 Febbraio 2008 ore 19:02

    ciao grandissimo stefano,
    sono stefano(sono il ragazzo “scuro” che sta seduto vicino a linda ) della classe3 navigando un po qua e la sul tuo sito mi sn accorto della lettera che ci hai dedicato,come prima cosa ti ringrazio sia x stamattina sia per la splendida lettera, personalmente posso dire che mi ha colpito molto sei una bravissima persona e ti stimo moltissimo perchè veramente sei un esempio da seguire spero un giorno di diventare,non dico proprio uguale uguale,ma un pochettino come te sei una persona a dir poco stupenda riesci a esprimerti in maniera ottima ma sopratutto riesci a farti capire alla perfezione sono stato molto contento di averti conosciuto e di aver appreso tutto cio che ci hai detto e che ci hai fatto capire perciò mi ricorderò sempre che la comunicazione è fondamentale e che per poter comunicare con gli altri bisogna saper ASCOLTARE.Ora ti devo lasciare perchè maurizio mi ha chiamato che vuole fare la scommessa con me SPERIAMO DI VINCERE:-)
    Ancora grazie mille nn vedo l’ora che arrivi il 19 un grandissimo saluto SEI UN GRANDE e ricordati sempre FORZA BARI

  6. Flavia scrive:
    12 Febbraio 2008 ore 19:50

    Ciao stefano

    sono Flavia, quella piccola ragazza del primo banco.Averti avuto oggi in classe è stato davvero bello e interessante. Se devo dirti la verità, all’inizio pensavo fossi come uno di quei tanti esperti che vengono da noi a parlare senza tanto entusiasmo,e che nn avresti voluto cn noi alcun tipo di confronto. Ora posso dire che mi sbaglio, che non capita spesso nella vita di incontrare gente come te, cosi ricca di esperienze, che crede nella realizzazione dei propri sogni. Mi sono sentita a mio agio,cosi come tt i miei amici. Ascoltarti è stato piacevolissimo, ed è per questo che vogliamo che tu ritorni da noi per raccontarci ancora qualcosa di questo mondo, che da sempre mi ha affascinato. Davvero GRAZIE per cio che hai scritto su di noi. Il piu delle volte veniamo descritti come delle bestie, dai prossimi incontri potrai capire come i nostri rapporti cn i prof sn formali e a volte conflittuali,dato non cercano mai di entrare a far parte del nostro mondo. Beh ora vado, spero tanto che anche io un giorno possa diventar come te, e di riuscire a realizzarmi nella vita…!!
    A presto Stefano, con affetto Flavia…Ciaooo!

  7. flavia scrive:
    12 Febbraio 2008 ore 20:22

    Ciao stefano,

    sono flavia..(la biondina) poko fà un uccellino mi ha detto ke avevi scritto qlk su d noi…bè mi sn precipitata a leggere….gg hai reso una giornata km tante in un qualkosa ke nn si può spiegare a parole..
    ti stimo xkè sei risciuto a realizzarti..all’inizio nn hai avevi molto sl le tue forze ma ci 6 riuscito..spero di farlo ank’io un giorno e penso ke tu sia un’ottimo esempio x la gioventù di oggi..quello ke hai scritto su di noi mi ha kolpito moltissimo..so ke è sincero..Oggi tu hai cerkato di kapirci..bè qsta può sembrare una kosa da poko ma nn tutti a volte hanno la pazienza e la voglia di farlo…e ti ringrazio!nn vediamo l’ora di vederti entrare ankora una volta da qlla porta kn la tua valigetta..
    A presto Stè…cn affetto la biondina

  8. admin scrive:
    13 Febbraio 2008 ore 13:11

    Ciao ragazzi, che felicità leggervi. Sapete che effetto fa il sentirsi un po’ amati? … non so a voi, ma a me ha fatto passare la voglia di dormire. Ieri sera, infatti sono tornato ed ho letto i vs meravigliosi commenti che mi hanno messo tanta adrenalina in corpo da farmi passare il sonno. Non ho parole, davvero. Almeno per ora. Vi prometto però che sabato vi scriverò ancora.
    Un abbraccio
    stefano p …il non-prof

  9. francesca scrive:
    15 Febbraio 2008 ore 16:12

    ciao stefano sn francesca ti ricordi…?quella ke all’inizio rideva sempre con domenico…il mio compagno di banco…e tu hai pensato stessimo insieme…ti ricordi..cmq ho letto anche io il tuo commento anche se con un pò di ritardo ma l’ho fatto xke ci tenevo a sapere cosa pensavi di noi e cosa avevi scritto. Ho sempre pensato fino a ora ke le ore di alternanza nn servissero a niente xkè nn ci ho mai capito nulla sinceramente e xke le lezioni sembravano tt uguali e palloseeee…mamma mia…l’unico divertimento era fare macello in classe proprio xke eravamo tt poco interessati…ma martedì è stato diverso…ci hai saputo coinvolgere e sono rimasta incuriosita dall’inizio alla fine xke mi intessava quello ke dicevi…ci hai dato una bella lezione di vita…e ti ammiro molto x questo…forse ci hai saputo prendere dall’inizio xke l’hai detto anche tu sei un pò come noi…beh nn so ke altro dire solo ke mi fa piacere quello ke pensi di noi….ci vediamo martedì…CIAO

  10. Francesca & Linda scrive:
    16 Febbraio 2008 ore 09:39

    Ciaoooo Stefano,
    siamo Francesca (seduta al primo banco vicino a Flavia) e Linda (seduta al secondo banco tra stefano e michele) ora siamo a scuola e stiamo facendo informatica..Abbiamo appena letto la tua lettera..ci fa molto piacere leggere i tuoi commenti riferiti a noi!!!Il prof di infomatica e rimasto sbalordito dal giudizio ke ci ha dato xkè lui ci considera degli animali, anke se in fondo CI VUOLE TANTO BENE!!(parole sue)…hihihi…
    La sua lezione è stata davvero interessante, e per la prima volta abbiamo prestato attenzione alle parole dette da uno sconosciuto..
    Ora dobbiamo andare xke dobbiamo finire l’esercizio..Ti aspettiamo..a presto!!! Un saluto da tutta la 3 A Liceo Tecnico in particolare da Francesca & Linda!!! CIAOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO…

  11. francesco scrive:
    16 Febbraio 2008 ore 09:45

    Ciao stefano sn francesco (l’ultra barese). Stiamo in laboratorio di informatica e siccome a casa sn sempre indaffarato nn ho avuto il tempo x scriverti prima…Il prof. di informatica e rimasto sorpreso ke noi c siamo comportati bene durante alternanza… Mi ha fatto molto piacere leggere il tuo commento sulla nostra classe… La giornata ke abbiamo passato cn te e stata speciale, l unico giorno d alternanza ke e stato davvero interessante e l unico giorno a cui noi abbiamo davvero partecipato, un giorno diverso. Ora t saluto xk il duro lavoro c aspetta. C vediamo martedì. ciauuuuuuuuuuuuu
    ps. okkio oggi pomeriggio LECCE 1 – 3 AVELLINO
    FORZA BARI!!!

  12. Annarita scrive:
    17 Febbraio 2008 ore 16:58

    Ciao stefano…è inutile ripetere tutto cio che hanno gia su scritto i miei comapgni..riguardo al nostro primo incontro..e al nostro pensiero su te e il tuo lavoro…che come già sai ci ha incantati ed è stato apprezzato come forse tu e i nostri prof non capirete mai sino in fondo(Credo più i secondi ). Quello che voglio tu sappia e che in tutta la mia carriera scolastica ho in teoria sempre : “Studiato ma non credo di aver mai Imparato qualcosa” …Questo è cio che è accaduto in questi anni sino al nostro primo incontro…In classe si è parlato della differenza tra il sentire e saper ascoltare…e cio è paragonabilissimo alla mia realtà sullo studio come ti ho appena detto ! Grazie perchè questo nostro primo incontro mi ha affascinato e mi ha fatto venir voglia di rincorrere tutti i sogni e accrscere gli obbiettivi che potrebbero permettermi..di giungere ad una posizione come la tua..divenire una persona ammirata, realizzata senza l’aiuto di nessuno ma soltanto cone le proprie forze e i propri sogni facendo nello stesso tempo anche anke “kasino”…una persona la cui presenza aiuta ed è piacevole per gli altri…cosi come lo è stato per noi ! Alla fine queste potranno sembrare solo parole…ma spero abbiano su di te lo stesso effetto che le tue hanno avuto su me..incidendo qualcosa di davvero concreto. TI AMMIRO…TI RINGRAZIO…E NON VEDO L’ ORA…di tornar a confrontarmi con te…a presto !

    Ps : sei stato l’unico che è riuscito a distogliermi dal utilizzo del cellulare in classe che mi ha sempre fatto comapagnia durante le lezioni senza senso che mi affliggono da anni ;) …penso proprio che martedi dirò al mio ragazzo di averlo dimenticato a casa :) !

    “Io” …la brunetta con la maglia a strisce nata il tuo stesso giorno !

  13. Federica scrive:
    17 Febbraio 2008 ore 20:39

    Ciao stefano…Sn Federica quella ragazza ke stava un po assonata ma in realtà ascoltavo kn molta attenzione il tuo discorso!!Sai mi ha fatto molto ridere il fatto ke quando sei entrato a scuola hai avuto paura!Nn preoccuparti è sl questione di abitudine ihihihi!!! Cmq mi farebbe molto piacere rivederti xkè sei stato il primo ke ci ha capito e ke ha voluto sentirci!Sn stata veramente bene quelle tre ore!!A martedì allora… Ciao steeeeeeee!!!

  14. roberto scrive:
    17 Febbraio 2008 ore 22:53

    ciao ragazzi della 3A
    mi chiamo Roberto e sono una delle persone più fortunate,oltre a Silvia e Sara,sapete perchè?molto semplice…….ho l’ufficio accanto a quello di quella persona SPECIALE che voi avete conosciuto.
    Si avete ragione non è solo una persona competente,sono sempre di meno,ma è un GRANDE UOMO
    a leggere quello che ha scritto di voi e come voi avete comunicato con lui CREDETEMI ho avuto la pelle d’oca e sono felice quando leggo che ne avete parlato ai vostri genitori e che dite ai vostri fidanzati che avete dimenticato il cell a casa,ditelo a tutti che esistono persone come STEFANO che sanno AMARE.
    AMARE il proprio lavoro,il prossimo,gli AMICI,chi ha bisogno e chi gli ha fatto del male DITELO A TUTTI ai vostri insegnanti che non AMANO più il loro lavoro e VOI lo sapete perchè chi AMA DONA E ASCOLTA
    nonho la fortuna di avervi conosciuto ma rivedetevi L’attimo fuggente e quando rivedete Stefano salite sui banchi e ……decidete cosa dirgli se lo merita
    roberto

  15. DOMENICO scrive:
    19 Febbraio 2008 ore 17:33

    ciao Stefano sn domenico … quel ragazzo seduto vicino francesca (quella cn i capelli ricci al primo banco)..purtroppo solo ora o avuto il tempo di scriverti queste 2 paroline ke nn serviranno a ninte ..xchè sn le solite chiacchiere ke raccontano tutti gli alunni….cmq volevo dirti ke sei un uomo veramante speciale e molto alla mano….la tua lezione è stata molto interessante specialmente x uno come me ke la scuola la spara. Ora però nn voglio soffermarmi a dire le solite cose …. ti volevo ringrazziare x avermi fatto apprendere qualcosa di utile … so ke la mia lettera nn è una delle migliori , ma spero ke basti per ringraziarti.
    CIAO CIAO

  16. Alice scrive:
    20 Febbraio 2008 ore 11:57

    Leggendo le bellissime lettere di questi ragazzi, mi è venuta voglia di scrivere..anche se non ho ben chiaro dove i miei pensieri andranno a parare!!!!
    Mi fa un pò invidia la loro spontaneità…vorrei averne un pochino anch’io…di certo riuscirei a comunicare quello che ho dentro…non so se è poco o tanto, ma so che c’è..
    Vorrei anch’io diventare una brava comuniucatrice..anche solo delle mie emozioni..ci sto lavorando, e spero di riuscirci…
    Grazie Stefano per quelle poche ore…sembrano niente ma sono TANTISSIMO, anche per i più diffidenti…
    Alice

  17. admin scrive:
    20 Febbraio 2008 ore 18:08

    Ciao Alice, benvenuta. Sono contento di ’sentirti’…
    domani la nostra storia continua.
    un bacio
    s

  18. Federica scrive:
    20 Febbraio 2008 ore 22:34

    Ciao Stefano sono federica… Quando metterai le foto!Sn curiosa di vederle… Cmq io avevo capito ke nn stavi bene kn la prof infatti le volevo dire vattene ke nn siamo normali e nn siamo noi qnd stai tu… Ma x rispetto nn lo fatto cmq grazie ancora! Ciao stefano a presto…:)

  19. admin scrive:
    21 Febbraio 2008 ore 10:39

    Ciao Federica, scusami ma non sto avendo il tempo di far nulla spero di riuscirci presto a mettere on line le foto…
    voi state pensando a qualcosa…per il ns progetto?
    ho pensato che potreste venire tutti qui 1 giorno a partecipare ai lavori di realizzazione del giornalino…
    baci
    s

  20. michele scrive:
    22 Febbraio 2008 ore 16:23

    Ciao stefano sono michele…..riguardo a quel progetto li, stavo pensando di parlare di cosa accade realmente nelle scuole: professori che non rispettano gli alunni, etc; quindi individuare i problemi ed eventuali risoluzioni…..penso già al titolo….:”QUELI CHE…NELLA SCUOLA!!!!!! comunque ne riparliamo martedì….
    a presto….!!!!!!!!!!!!!!!!
    ti stimo tantissimo
    michele

  21. Kekk@ scrive:
    23 Febbraio 2008 ore 16:35

    ciao stè
    io x il giornalino stavo pensando di scrivere…nn solo cose ke riguardano la scuola, ma anke cose ke succedono tutti giorni a noi ragazzi!!!come i problemi, le decisioni ke affrontiamo tutti i giorni…ma anke cose tipo delle ingiustizie dei prof…e anke quello ke succede nella scuola ke i prof nn sanno!!!x ora mi è venuto in mente solo qst…se ho qualke altra idea ti faccio sapere!!!
    CIAOOOO..:)
    Francesca

  22. Federica scrive:
    23 Febbraio 2008 ore 19:39

    Grazieeeee Ste x aver messo le foto…ero molto curiosa di vederle…

  23. rosanatale scrive:
    26 Marzo 2008 ore 15:09

    sono un insegnante di scuola primaria e scoprire che anche nelle scuole superiori lavorano colleghi così in gamba mi ha fatto un enorme piacere. credevo fosse solo un nostro primato…. scherzo. tanti auguri

  24. admin scrive:
    27 Marzo 2008 ore 08:27

    Grazie Rosanatale, lavorare con e per i ragazzi è un dono prezioso. Da questa breve esperienza ho imparato tanto. Innanzitutto che i ragazzi hanno bisogno di essere ascoltati, amati ed incoraggiati di più. E poi, non ultimo, di essere stimolati con metodi, strumenti e materie più adeguate a i tempi, ai loro sogni e alla loro intelligenza. La scuola è obsoleta, non i ragazzi.
    Buon lavoro Rosanatale…contiamo su di te.
    s

Commenti

E-mail

Sito web